Alla ricerca del (Cliente) migliore

Posted on

Cliente Ideale  Chi sono i migliori clienti per una AV? Qual è il Cliente ideale?

Le Assistenti Virtuali americane, pioniere di questa attività, dicono che il Cliente ideale si identifica con le 5 P: patient, polite, payer (on time), passing along the appropriate information, praiseful, ovvero paziente, gentile, pagatore, comunicatore che passa le giuste informazioni, che loda il lavoro svolto per lui.

In Italia, è un po’ diverso. Premesso che io parlo di “Il Cliente” ma mi riferisco sia a uomini che donne, oltre a non esserci 5 qualità appropriate che iniziano per “P” , bisogna tenere conto che il Cliente ideale per una Assistente Virtuale è ancora da…scoprire!
Qui da noi il Cliente, prima ancora di essere identificato con le qualità che lo rendono Ideale, deve essere identificato come Cliente. Ed è lui stesso, in primis, a doversi rendere conto di essere un potenziale Cliente, cioè di avere la necessità del tipo di supporto che può fornire una AV.
Questa attività, nel nostro Paese, è ancora piuttosto sconosciuta e va da sé che, se una persona non sa che c’è, nemmeno si immagina che potrebbe averne bisogno. Sono quelle situazioni in cui, quando scopri che qualcosa esiste, ti dici “ma questo è proprio ciò che mi serve, non pensavo ci fosse!”

La ricerca di Clienti, in Italia, richiede molto impegno, molta pazienza, molta costanza

Si tratta di farsi conoscere, di spiegare in che cosa consiste questa attività e di come si può essere d’aiuto. Si tratta anche di non perseverare nel tentativo di far capire questa professione: o viene capita da subito oppure, se la risposta è fatta di “ma, se, però”, è inutile continuare.

Il Cliente Ideale Italiano è colui il quale crede nell’enorme potenziale di internet, di ciò che questa “invenzione” permette di fare nel campo del lavoro ed è quindi disposto ad investire una parte dei propri profitti per poter lavorare meglio e guadagnare di più, non solo in termini economici, ma anche di tempo e qualità della vita.

La parola “virtuale” molto spesso non piace perché fa pensare a qualcosa che non c’è, che non esiste nella vita reale, ma è una flosofia di pensiero inesatta (ed è piuttosto semplice appurare se una AV è una persona reale!).

Inoltre, tutto ciò che oggi viene utilizzato per lavoro si avvale di internet, tutto corre via etere: cellulari, telefoni, computer…si può essere ovunque, raggiungibili e operativi, senza necessariamente essere presenti fisicamente.

Insomma, il Cliente Ideale per una Assistente Virtuale in Italia deve avere una sola, importante e fondamentale qualità, utile, non solo per decidere con chi collaborare, ma anche per sviluppare il proprio business al passo con i tempi: la lungimiranza.

Sei d’accordo anche tu? Pensi di essere una persona lungimirante?

Susanna

Susanna

Assistente Virtuale at Active & Virtual
Dopo una pluriennale esperienza come Executive/Personal Assistant e un licenziamento ho deciso che era arrivato il momento dei grandi cambiamenti: sono diventata Assistente Virtuale, una professione che ho creato su misura per me.
Susanna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top